Avete mai sentito parlare di allineatori trasparenti per raddrizzare i denti? Spesso, soprattutto quando non si è più piccoli, si è titubanti nell’affrontare i problemi di disallineamento e malocclusione dentaria per ovviare al vecchio e antiestetico apparecchio ortodontico in metallo. Negli ultimi anni, invece, si è riscontrato un crescente interesse verso l’estetica del sorriso, e per questo si è sviluppata sempre più l’attenzione verso “l’ortodonzia invisibile”, cioè quella basata sull’utilizzo di allineatori trasparenti.

Se non siete completamente soddisfatti del vostro sorriso, ma non siete dei grandi fan degli apparecchi metallici, quello trasparente è un metodo quasi invisibile per riallineare i denti senza ferretti, fili metallici o attacchi fissi.

Quando si indossano gli allineatori trasparenti, come avviene per l’apparecchio fisso in metallo, è possibile avvertire un senso iniziale di fastidio che si attenua, però, nei giorni successivi per, poi, svanire completamente, poiché, il fatto di non avere ganci ed attacchi metallici, li rende sicuramente molto meno invasivi all’interno del cavo orale.
Un altro grande vantaggio del trattamento ortodontico con gli allineatori è la loro removibilità, cioè il fatto che debbano essere rimossi per mangiare, consentendo al paziente non solo un maggior confort, ma anche di svolgere a casa una corretta igiene orale al termine di ogni pasto, mediante l’impiego sia dello spazzolino che del filo interdentale.
Inoltre, risultano essere molto sicuri e vengono realizzati su misura per il paziente, partendo da un calco delle arcate dentarie, proprio per aderire perfettamente alla dentatura.
Vengono generalmente consigliati ai pazienti in età adulta, reticenti al sottoporsi ad un trattamento ortodontico tradizionale, se questo significa “mostrare” ganci e attacchi metallici, ma in alcuni casi possono essere utilizzati anche durante l’adolescenza.
È bene sottolineare che a prescindere dall’età del paziente, sarà il dentista a stabilire, caso per caso, se e come utilizzare l’ortodonzia invisibile, poiché, prima di intraprendere un trattamento con gli allineatori, l’odontoiatra dovrà comunque valutare che sussistano le condizioni adatte.

Possono, infatti, rappresentare un ostacolo alla terapia ortodontica:

  • presenza di malattia pardontale;
  • presenza di restauri protesici complessi, come ad esempio ponti ed impianti;
  • mancata capacità del paziente di rispettare in modo costante e per lunghi periodi le indicazioni fornite dal dentista per la gestione quotidiana degli allineatori.